1

serata psicologi

GRAVELLONA TOCE- 11-10-2017- Si è svolto martedì 10 ottobre il quarto appuntamento di “Ottobre culturale gravellonese”: una serata organizzata dall’associazione “Psicologi del Vco” e la società filosofica di Verbania. L’assessore alla cultura, curatore della kermesse culturale gravellonese Roberto Birocco, nel presentare i relatori della serata dedicata all’amore “Omnia vincit” e la coppia “Idea perfetta”, ha ringraziato l’associazione degli “Psicologi del Vco” che ha la propria sede a Gravellona Toce, per l’incontro pubblico promosso nell’ambito dell’”Ottobre culturale”. La serata, che si è svolta nella biblioteca civica F. Camona, ha visto la partecipazione del presidente della società filosofica di Verbania Michele Rizzi e di Roberto Fantone, dell’associazione Psicologi del Vco. Rizzi ha esordito ringraziando gli organizzatori della rassegna culturale gravellonese e fatto presente che la serata gravellonese, è propedeutica alla serata che si svolgerà venerdì 13 al teatro “Il Maggiore” di Verbania, con Alberto Galimberti, dove tratterà il tema sull’amore, da sempre un cavallo di battaglia del filosofo e scrittore. Un tema, quello dell’amore, trattato dai due relatori e declamato dai grandi filosofi, di indubbia complessità che la parola “amore” richiama, non semplice da definire in quanto indefinito. “L’amore vince su tutto”, scriveva Virgilio -ha subito esordito il filosofo Rizzi-. poi rivolgendosi al pubblico , ha affermato: “L’amore esiste secondo voi? Ognuno di noi però -ha aggiunto- lo vive in modo diverso. Quando si parla di un qualcosa ben definito, come una figura geometrica, un cerchio o un quadrato, subito capiamo a cosa ci riferiamo. Quando si parla dell’amore, invece, sappiamo che è un concetto inesistente, astrato ma, oggettivamente conclamato”. “La parola amore -ha chiosato il filosofo Rizzi-, è difficile da canalizzare e definire in maniera chiara di cosa si intende per amore. Il secondo relatore Fantone, nel suo intervento ha trattato il tema delle coppie dal versante psicologico, con le sue diverse sfaccettature che si sviluppano nelle relazioni di coppia. “Oggigiorno, le relazioni di coppia -ha raccontato Fantone-, non è detto che siano più fragile o più forti, sono certamente molto diverse dal passato. E’ cambiato il loro contesto culturale -chiosa Fantone- e la stessa premessa di coppia e di stare assieme ma, ancora oggi rimane l’architrave della famiglia. Il filosofo verbanese e lo psicologo dell’associazione gravellonese, nei loro interventi hanno invitato il pubblico accorso alla serata a guardare al sentimento dell’amore, come ad una bellezza che non ha una precisa definizione ben definita ma, è la vita e vale la pena anche se talvolta dolorosa viverla.

G.P.C.

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.