1

paffoni 13 2 16
OMEGNA – 09.04.2016 – Passerella finale.

Quella di stasera contro Ferentino è l’ultima partita verbanese dell’anno (e forse anche per il futuro) per la Paffoni Omegna. Il regolamento playout impone il trasferimento in un impianto più capiente, già individuato nel PalAmico di Castelletto Ticino.

L’avversario è tutt’altro che abbordabile. Ferentino è una delle squadre più in forma del girone Ovest dell’A2, reduce da sette vittorie nelle ultime otto. La squadra ha grande qualità nei suoi due americani, Bowers e Raymond, ma anche nei due veterani ex azzurri Gigli e Bulleri. Nel roster c’è anche l’ex Omegna Raspino.

Alla sua prima uscita casalinga dopo il debutto convincente – ma non vincente – di Agropoli, coach Filippo Faina chiede ai suoi continuità. “Le vittorie delle nostro dirette concorrenti alla salvezza fanno in modo che quel che era la situazione probabilmente rimarrà la stessa fino alla fine del campionato e quindi le motivazioni sono sempre quelle, va solo aumentata la concentrazione e le motivazioni che seguono questa concentrazione – dice –. Noi dobbiamo giocare per imparare a vincere, in modo che (una volta appreso) le partite che conteranno le vinceremo. Ferentino è squadra di alta classifica che ha una sua fisionomia e che è la stessa da sempre, sia con il vecchio allenatore che con quello nuovo. Da parte nostra spero di aumentare l’aggressività e la velocità, così da arrivare partita dopo partita ai match che contano con una forte dose e qualità di aggressività”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.