1

App Store Play Store Huawei Store

gravellona slackline

GRAVELLONA TOCE - 07-04-2021 -- La Giornata Internazionale dello Sport per lo Sviluppo e la Pace è stata instituita dal Consiglio Internazionale Olimpico (CIO) e ricorre proprio il 6 aprile, data in cui nel 1896 ebbero inizio i primi giochi olimpici dell’era moderna. Si celebra lo sport come elemento di sviluppo della salute psico-fisica dell’uomo, come elemento di unione sociale, capace di abbattere disuguaglianze di ogni genere, di diffonde il valore della pace.


Lo sport aiuta a trovare la fiducia in sé stessi, negli altri. Non ci sono confini, stereotipi o divisioni culturali. Ti cambia la vita. Proprio così Fabio Gellera racconta il suo rapporto con la slackline, lo sport che ha conosciuto per caso e che gli è rimasto nel cuore.


Tutto è iniziato quando quasi tre anni fa, il ventiquattrenne di Gravellona decide di partire alla volta di Lisbona, dove lo aspettava un amico di vecchia data. Il giorno della partenza l’aereo viene cancellato, e la partenza posticipata di sei ore. In aeroporto conosce un ragazzo di Guastalla (RE), anche lui diretto a Lisbona, con cui rimarrà in contatto e che gli farà conoscere e praticare la Slackline nei parchi della città portoghese.
Fabio rimane incantato quando capisce di cosa si tratta e subito inizia a praticarlo. Durante la sua permanenza in Portogallo, durata quasi due anni, si unisce al gruppo “Slackline Portogallo”, con cui sperimenta ogni tipo di slackline e con cui ha modo di conoscere persone da ogni parte del mondo.
Slackline letteralmente significa “corda allentata” ed è incentrata sull’equilibrio. Nasce all’inizio degli anni Ottanta nel Parco Nazionale dello Yosemite in California sulla catena montuosa della Sierra Nevada quando Adam Grosowsky e Jeff Ellington utilizzarono la loro attrezzatura da arrampicata per esercitarsi a tenersi in equilibrio su di una corda o meglio, su una fettuccia.
Questo sport si divide in tre discipline diverse. La Trickline, caratterizzata da una fettuccia molto dura ed elastica tenuta tesa, larga 5 cm e lunga dai 10 ai 25 metri, su cui si fanno i “tricks”, cioè evoluzioni, salti e altre acrobazie, tentando di rimanere in equilibrio. La Longaline, caratterizzata da una fettuccia larga 2,5 cm e lunga dai 40 ai 60 metri. In questo caso la linea è curva, lo scopo è cercare di percorrerla mantenendo l’equilibrio e la concentrazione. La Rodeoline o Surfline è una corda fissata alle estremità senza tensione, in cui lo scopo è rimanere in equilibrio, dondolandosi. Infine, c’è l’Highline, con la fettuccia posta ad altezze importanti che è percorsa con un’imbragatura e corde di sicurezza. Qui la sfida è superare la paura dell’altezza, oltre che essere concentrati a rimanere sulla fettuccia.


Fabio racconta che in Portogallo ha anche imparato a costruire una linea e a metterla in sicurezza, parte importantissima se si vuole praticarlo in autonomia. Poi, tornato in Italia, si è unito a “Slackline Milano” e ha anche fondato “Slack Verbano”, che si augura possa diventare una realtà sempre più grande.


Parla della sua esperienza con “Slackline Portogallo” con il sorriso e un po’ di nostalgia. Con la testa sembra che sia ancora lì, tra i parchi in cui si allenava e le highlines montate sull’oceano che tolgono il fiato. Vorrebbe ricreare in Italia quell’armonia, quel benessere che questo sport e le persone che lo praticavano, gli hanno trasmesso.  
“Mi ha cambiato la vita”, dice. Da ragazzo iperattivo, ora ha trovato un suo equilibrio. Riesce ad essere più pragmatico, razionale, paziente. È un modo per scaricarsi e pensare ad altro. Uno sport che nel giro di poco tempo è diventato essenziale.
“Questo è uno sport che unisce molto. Si sta tutti insieme per lo stesso obiettivo: divertirsi, fare esperienza, imparare, crescere. Tante volte si diventa quasi anche bambini”, così conclude Fabio descrivendo l’aria che si respira tra slackliners.  (H.B)

Nei video, le discipline della slackline illustrate da Fabio Gellera e la sua video intervista

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.